Come uccidere una persona in un anno #1

20 Mag

Leggevo di questa bella iniziativa nata sul web su proposta del curatore del blog Sul Romanzo (e visto che lo cito vi invito anche a partecipare seguendo il link). In due parole si tratta di scrivere un romanzo in un anno, seguendo alcuni consigli su come ottimizzare i tempi, strutturare la trama e tutte quelle cosine che si dicono quando qualcuno parla di come scrivere un romanzo. La novità rispetto alla scorsa edizione (mi par di capire) è che stavolta l’iniziativa non rimane sul web ma prevede anche l’incontro fisico di due o più persone affinché ci si legga, critichi e aiuti vicendevolmente nell’arduo compito. Le persone verranno accoppiate sulla base della posizione geografica e quindi più o meno il criterio sarà quello di appartenere alla stessa città o almeno alla stessa provincia. Questa cosa dell’incontro fisico mi ha subito colpito perché oh: non sia mai mi capita una fica? Così mi sono iscritto, con un nome falso, certo, però l’ho fatto, anche se il fatto dello scrivere un romanzo era la cosa che mi interessava di meno. Il mio nome falso non ve lo dico perché prima devo vedere come mi va con la fica, che non si sa mai, io ci spero sempre e poi perché altre idee balzane mi sono passate per la testa.
Vengo perciò subito al punto. Letto di questa bella iniziativa ho deciso di lanciare anche io la mia, questo il titolo:

REALIZZA IL SOGNO CHE È IN TE: COME UCCIDERE UNA PERSONA IN UN ANNO

Alzi la mano là fuori chi non ha mai pensato di uccidere una persona? Eh lo so, direte, non è facile uccidere in Italia…c’è l’imbarazzo della scelta. La domande che vi rivolgo più precisamente sono le seguenti: avete mai pensato che vi piacerebbe uccidere una persona? Perché nella maggior parte dei casi rimane un semplice pensiero senza l’atto concreto?

La nuova iniziativa del Collettivomensa è un concentrato di volontà, condivisione, divertimento, sparatorie e strategie comportamentali. Come? Ora sarà spiegato.

In primo luogo, alcune condizioni, altrimenti non potrete partecipare:

1- Amore per il crimine.

2- Voglia di uccidere qualcuno.

3- Desiderio di condividere un progetto comune.

4- Capacità di mettersi in discussione accettando le critiche.

Se vi sembrano quattro punti che potete indossare, ottimo, allora “Caccia l’omicida che è in te” fa al caso vostro.

Chi tenta di uccidere qualcuno ha un problema: la gestione della volontà in maniera costante. Un gruppo, se orientato, come in numerose altre faccende della vita, possiede una forza motivante di gran lunga superiore a quella del singolo. Le persone che decideranno di partecipare potranno sempre contare su qualcuno durante il percorso e non saranno lasciati da soli nell’atto pratico dell’uccisione.

L’impegno durerà un anno, uhhhsahayhsjyuxhjgkdhekju DRUM STUM cazzim merdut pork puttin! Calmi, un attimo, se il problema spesso è il tempo per molti, cioè trovarlo, la soluzione è solo una: dilatarlo, in modo che tutti possano riequilibrare le proprie settimane di preparazione senza scossoni e organizzandosi per bene. Un impegno duraturo, certo, poco e costante, unica via per raggiungere un risultato concreto con calma e divertimento.

Innanzitutto io sarò con voi. Nel senso che non è che mi metto ex catedra a sparare boiate. Mi ci sporco le mani anch’io, questo ve lo prometto. Ma passiamo subito alla struttura del corso che sarà diviso in 4 moduli:

– selezione della vittima (metodi di ricerca, analisi e selezione)
– studio delle abitudini della vittima (spionaggio, investigazione privata e raccolta dati)
– preparazione dell’omicidio (strumenti, logistica dell’ambiente, precauzioni)
– omicidio (tecniche di aggressione, omicidio silenzioso, occultazione di prove e di cadavere)

A MAGGIO DEL 2011 AVREMO TUTTI IL NOSTRO CADAVERE IN MANO!

Segnali qui con un commento chi decide di lanciarsi nell’avventura (per chi è su Facebook scriva nel blog, perché altrimenti è un casino). Contiamoci insomma, questo è il primo passo. Siamo in 5 o 10 o 100, abbiamo un potenziale omicida fortissimo, potremo ad esempio decidere di dedicarci tutti ad uccidere la stessa persona, magari uno che incarni un simbolo deleterio (vi viene in mente qualcuno?) ma dobbiamo subito capire dove ognuno vive, quindi, nome e cognome (fittizi, per questione di privacy) e provincia nel commento.

E come trovare altre persone per iniziare presto nei luoghi dove viviamo? Presto vi dirò.

Ho bisogno subito di un aiuto importante per favore, che ne parliate nei vostri blog citando l’iniziativa e che tempestiate Facebook condividendo e segnalando nelle vostre bacheche questo post, soltanto in tale modo anche chi non frequenta Collettivomensa avrà la possibilità di conoscere “Caccia l’omicida che è in te”.

Siete pronti? Dai, diamoci da fare da subito e scateniamo una carneficina, al #2.

19 Risposte to “Come uccidere una persona in un anno #1”

  1. jonathan coe 20 maggio 2010 a 04:27 #

    jona coe, prato.

  2. mirabel 20 maggio 2010 a 04:28 #

    miri bell, tramutola (PZ).

  3. willy joe 20 maggio 2010 a 11:01 #

    joe willy (roma)

  4. Diotima Hölderlin 20 maggio 2010 a 11:19 #

    Diotima Hölderlin (Roma)

  5. Giulia 20 maggio 2010 a 19:49 #

    io proporrei Rita Levi Montalcini, Tina Anselmi e Carla Fracci, con la loro indelicata vocazione a ricordarmi la mia mediocrità.

    Giulia

    • collettivomensa 20 maggio 2010 a 21:57 #

      ho capito ma così mi elimini il grosso del corso (quello con le pistole e le prove di forza): la montalcini se ne viene giù con un rutto…

  6. Giulia 21 maggio 2010 a 15:45 #

    Seee, quella è la tipica vecchietta che ostenta candore e vulnerabilità e poi ti disarciona lo scippatore dalla lambrtta con una mossa di king fu.

  7. Giulia 21 maggio 2010 a 15:46 #

    lambretta. Ecco, la Montalcini non avrebbe mai fatto un errore di battitura. La odio.

    • collettivomensa 21 maggio 2010 a 21:37 #

      hai ragione. a marte la montalcini. sai fare i rutti apposta?

      • Giulia 22 maggio 2010 a 20:37 #

        No (la Montalcini di sicuro sì… Maledetta…). è tema del corso? Allora davvero ci insegni a buttar giù la gente coi rutti!

  8. Biggie Margot 15 giugno 2010 a 13:51 #

    che la caccia cominci…ho sempre desiderato fare la serialKiller/ladra/mangiatrice di uomini :P

  9. max 3 gennaio 2011 a 22:43 #

    Grim, Piove di Sacco, Padova, Veneto

  10. max 3 gennaio 2011 a 22:46 #

    però serve un’ altro sito web, magari un forum o una pagina su facebook; ovvio che chi non vuole far conoscere la propria identità si creerà un profilo falso….

  11. max 5 gennaio 2011 a 21:24 #

    se volete ci creo una pagina di facebook ma per il sito non me la cavo bene XD

  12. massimo 15 febbraio 2011 a 19:50 #

    io ammazzerei…..tutti qlli k ti stanno sul kazzo………..a volte ankea qlkuno della mia famiglia———–

    • max 27 febbraio 2011 a 17:39 #

      Perchè pensi così in piccolo?

  13. simone 12 luglio 2013 a 15:23 #

    Presotto Simone – Moimacco prov,Udine – Friuli Venezia Giulia SIETE ANCORA DISPONIBILI AD AIUTARMI PER FAVORE …. se si cercatemi su facebook scrivete presotto simone moimacco e mi trovate, ho i capelli castano-rossi…. vi ringrazio in anticipo sono disponibile al 100 per cento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: